TABELLA DIVIETI STAGIONALI DI SPANDIMENTO 2016-2017

Si ricorda che il Comune di Altivole è situato in Zona Vulnerabile. Per bollettini dettagliati nelle giornate tra novembre e febbraio consultare il sito http://www.arpa.veneto.it/bollettini/meteo/radar/nitrati.it

TABELLA DIVIETI SPANDIMENTO 2016 - 2017

Allegati:
Scarica questo file (TABELLA DIVIETI STAGIONALI DI SPANDIMENTO2016.pdf)TABELLA DIVIETI STAGIONALI DI SPANDIMENTO2016.pdf[tabella divieti spandimento 2016-2017]54 kB

MACELLAZIONE DEI SUINI A DOMICILIO ANNO 2016

Nel periodo compreso tra l’02 novembre 2016 ed il 28 febbraio 2017 è consentita la macellazione dei suini a domicilio, ad esclusivo uso del proprio nucleo familiare, da parte dei privati interessati.

A tal riguardo, le operazioni di macellazione deve essere precedute dalle seguenti attività:

 

  • i privati cittadini, interessati alla macellazione dei suini a domicilio, sottopongano gli stessi alla visita ispettiva da parte di un Medico Veterinario dell’Azienda U.L.SS. n. 8;
  • gli stessi cittadini, interessati alla macellazione dei suini a domicilio, concordino con i Servizi Veterinari dell’Azienda U.L.SS. n. 8 presso i Distretti Sanitari di competenza di Vedelago, tel. 0423 708851 (dal lunedì al sabato dalle ore 8,oo alle ore 9,oo) in via prioritaria o in alternativa quello di Asolo tel. 04230526411 (dal lunedì al venerdì dalle ore 8,oo alle ore 9,oo) – almeno 2 giorni prima dell’effettuazione, al fine di poter permettere una idonea programmazione dell’attività ispettiva – la data e l’ora di macellazione, e di questo verrà successivamente notiziato l’Ufficio Comunale competente da parte del Servizio Veterinario;
  • gli allevatori, residenti nel territorio del Comune, che intendano macellare suini per consumo privato, devono sottoporre l’intero animale, dopo l’uccisione e prima di iniziare la lavorazione nel proprio domicilio, alla visita del Veterinario;
  • è vietata la macellazione dei suini nelle ore notturne e nei giorni festivi;
  • è consentita la macellazione di un solo suino, o, al massimo, di due suini per nucleo familiare;
  • è vietata la macellazione dei suini per conto terzi al di fuori dei mattatoi a ciò autorizzati;
  • è vietata altresì la commercializzazione delle carni dei suini macellati per uso privato;
  • il personale addetto alla macellazione (norcini) in sostituzione del libretto sanitario dovrà dimostrare di aver seguito un percorso formativo nel rispetto di quanto stabilito dalla D.G.R. Veneto n. 2685 del 6 agosto 2004;
  • le attrezzature, gli utensili ed i locali adibiti alla macellazione ed alla lavorazione delle carni debbono essere preventivamente lavati e disinfettati e mantenuti in perfette condizioni igienico-sanitarie;
  • è vietato in via assoluta lavorare le carni prima che sia stata accertata dal Sanitario la loro commestibilità;
  • è vietata la iugulazione degli animali se non sono stati preventivamente abbattuti con la pistola proiettile captivo di cui tutti i norcini devono essere provvisti;
  • l’attestazione di avvenuta visita sanitaria dovrà risultare da dichiarazione del Veterinario su particolare modulo.
Allegati:
Scarica questo file (Ordinanza macellazione suini-1.pdf)Ordinanza macellazione suini-1.pdf[Ordinanza 33/2016]89 kB

Abbattimento alberi, deramificazione e taglio macchia nelle vicinanze di linee elettriche

Enel Distribuzione eseguirà indicativamente nel periodo ottobre 2016 - aprile 2017 lavori di manutenzione su vari tratti di linee elettriche che interessano il territorio comunale e si renderà necessario il taglio piante sotto le suddette linee.

I proprietari possono procedere all'eventuale raccolta delle piante tagliate.

Per chiarimenti si prega contattare "e-distribuzione spa" - Zona di Treviso - Unità Operativa di Montebelluna - (tel 0423/288343).

ASSE 6 - SISUS

Autorizzazione Unica Ambientale

Si informa che le pratiche inerenti la AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE in applicazione del D.P.R. 13 marzo 2013 n. 59 e del D.P.R. 7 settembre 2010 n. 160 vanno presentate di norma  per via telematica mediante accesso al portale www.impresainungiorno.gov.it e compilazione della pratica con procedura telematica (N.B.:  è indispensabile il possesso di CNS e firma digitale).


I professionisti (Ordini, Associazioni, ecc.) che compilano ed inoltrano telematicamente le pratiche per conto delle imprese devono munirsi di idonea procura rilasciata dalle stesse.

PER INFORMAZIONI:

1) sul  PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO  (predisposizione e inoltro pratiche)
contattare il:  Servizio SUAP
tel.:  0423 – 918370  -  orari:  tutti i giorni feriali 10,30/12,30
2) sulle specifiche  PROCEDURE ISTRUTTORIE:
contattare l’autorità competente:  PROVINCIA DI TREVISO
Gestione integrata delle acque.  Renato Cima
tel. 0422-656761 -  email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gestione dei rifiuti:  Michela Milan
tel. 0422-656777  -  email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Emissioni in atmosfera:  Franco Giacomin
tel. 0422-656763  -  email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
3) sulle specifiche EDILIZIE relative agli interventi:
contattare il:  Servizio Urbanistica / Edilizia
tel.:  04223 – 918342  -  orari:  Lunedì 9/12,30 mercoledì 15/17,30 sabato 8/12,30
4) sugli  ASPETTI TECNICO-INFORMATICI di accesso al portale  
telefonare al  n. 199 502 010 (Call Center SUAP)  di Infocamere.
Si ricorda che  a far data dal 1° luglio 2013  NON È PIÙ CONSENTITA
la presentazione al Comune di pratiche in MODALITÀ CARTACEA.

NOTE INFORMATIVE

1.    FUNZIONALITÀ DEL PORTALE:  www.impresainungiorno.gov.it
Si evidenzia che l’accesso al SUAP camerale in delega, attraverso il portale nazionale www.impresainungiorno.gov.it richiede necessariamente l’autenticazione e pertanto l’interessato dovrà munirsi di adeguata CNS o smart-card con certificato di autenticazione e di firma digitale per la sottoscrizione degli atti.
Una volta autenticato dal portale, l’interessato / professionista dovrà compilare la SCIA o l’istanza di autorizzazione in modalità telematica, debitamente corredate dai previsti allegati, firmare digitalmente ed inviare la pratica.
A seguito dell’invio dal portale www.impresainungiorno.gov.it della SCIA o dell’istanza di autorizzazione, l’interessato / professionista riceverà al domicilio elettronico dichiarato:
-    una prima comunicazione di servizio automatica rilasciata dal framework, che conferma l’avvenuto inoltro;
-    la “ricevuta automatica” descritta all’articolo 5 del decreto Interministeriale del 10 novembre 2011, ovvero la ricevuta di posta elettronica certificata che attesta l’avvenuta consegna al SUAP camerale in delega della pratica telematica inoltrata; essa viene emessa in modalità automatica dal portale e, nel caso di inoltro di SCIA, conferisce all’impresa il diritto di intraprendere da subito la relativa attività senza l’intermediazione di ulteriori titoli o qualsivoglia potere di tipo autorizzatorio-costitutivo.

2.    PROCURA ALL’INOLTRO
I professionisti (Ordini, Associazioni, ecc.) che compilano ed inoltrano telematicamente le pratiche per conto delle imprese devono munirsi di idonea procura rilasciata dalle stesse.
Il modello di procura è disponibile sul portale www.impresainungiorno.gov.it oppure sul sito istituzionale www.regione.veneto.it, all’interno del percorso “Attività Produttive”, settore “SUAP - Sportello Unico Attività Produttive”.

3.    PAGAMENTI ANTICIPATI DI SPESE E DIRITTI
In relazione ai procedimenti telematici che prevedono il pagamento anticipato di spese istruttorie e l’eventuale assolvimento dell’imposta di bollo, si ricordano le seguenti indicazioni operative, precisate nel D.M. 10 novembre 2011, relative all’assolvimento di tali pagamenti nelle more dell’applicazione del sistema di pagamento ‘on-line’, laddove consentito:
-    il soggetto interessato allega in modalità informatica e per ciascun procedimento la scansione delle ricevute degli avvenuti pagamenti dei diritti e delle spese istruttorie eventualmente dovute;
-    nel caso in cui il procedimento sia soggetto all’imposta di bollo, il soggetto interessato provvede ad inserire nella domanda i numeri identificativi delle marche da bollo utilizzate, nonché ad annullare le stesse, conservandone gli originali.

>  A T T E N Z I O N E  <
È molto importante conoscere preliminarmente come è disciplinata l'attività oggetto della trasmissione telematica, per non incorrere nel rischio di invio di pratiche del tutto incoerenti con quanto effettivamente prescritto dalla normativa di riferimento - e pertanto irregolari - con tutte le conseguenze del caso.

Ufficio urbanistica ed edilizia privata

Allegati:
Scarica questo file (manifesto_aut_ambientale.pdf)manifesto_aut_ambientale.pdf[Manifesto]38 kB